Implantologia dentale

Che cos’è?

Spiegazioni su cos'è l'impianto.

Si tratta di una tecnica odontoiatrica che permette di sostituire dei denti mancanti con degli impianti realizzati tramite perni inseriti nell’osso mandibolare o mascellare sui quali vengono fissati i denti artificiali.

Modelli di impianto.

Normalmente questi perni sono realizzati in titanio, materiale predisposto per l’osteointegrazione, per diventare cioè un vero e proprio sostituto delle radici dei denti naturali. Il perno in titanio, perfettamente integrato con l’osso che lo supporta, non va incontro a fenomeni di rigetto.

Impiantologia può essere a carico immediato o diviso in diverse sedute.

L’implantologia può essere di tipo tradizionale, che richiede diverse sedute, o a carico immediato, risolvibile in un’unica giornata.

Tutti possono sottoporsi ad implantologia?

Con un prezzo accessibile a tutti, l’implantologia dentale è ideale per chi, stanco dei disagi causati da dentiere o scheletrati vuole ritrovare la sicurezza data dalle protesi fisse. Se ne possono giovare anche coloro che mancano di un solo dente circondato da denti sani. In questo caso infatti, contrariamente a quanto accadeva con i vecchi ponti, l’implantologia rende possibile mantenere la completa integrità dei denti sani. Candidati ideali per l’implantologia sono anche i soggetti con arcate superiori o inferiori completamente prive di denti che non vogliono rinunciare né all’estetica di un sorriso naturale né a una perfetta funzionalità della masticazione.

Se un tempo i soggetti con carenza d’osso erano destinati a rinunciare all’implantologia, gli attuali mezzi consentono, nella maggior parte dei casi, di ricostruire l’osso mancante e di procedere con l’impianto con un prezzo dell’implantologia dentale contenuto.

In ogni caso, prima di procedere all’intervento, i pazienti vengono sottoposti a radiografie endorali e, nei casi sospetti, anche a una TAC che permette di valutare con precisione e tridimensionalmente l’osso da utilizzare per l’impianto. L’età non rappresenta un limite per l’implantologia dentale anche se, ovviamente, sta al medico valutare ogni singolo caso insieme alle condizioni generali del paziente avanti con gli anni.

Ponte dentale.

L‘implantologia è dolorosa?

Assolutamente no, dato che gli interventi vengono sempre condotti ambulatorialmente in anestesia locale, tramite specifici anestetici estremamente efficaci. L’intervento viene sempre eseguito in condizioni di assoluta sterilità e, una volta concluso, i tradizionali anestetici sono in grado di controllare perfettamente eventuali dolori conseguenti all’operazione. In alcuni casi può manifestarsi un leggero gonfiore che scompare in due o tre giorni.

I materiali utilizzati e le condizioni igieniche vengono garantiti dalla legge italiana che impone che gli impianti dentali, così come qualsiasi altro presidio medico chirurgico, rispondano ai livelli di qualità estremamente alti richiesti dalla Comunità europea. Questa garanzia, naturalmente, mette al riparo da possibili problemi di infezione o di rigetto ai quali va incontro con frequenza chi si sottopone al cosiddetto turismo dentale.

mappa

Scroll Up